NAPOLI-FIORENTINA VISTA (DALLA POLTRONA) DALLO SCOGLIO-NATO………..SQUALOVIOLA

Voglio, per prima cosa, sottolineare come il risultato condizioni ogni
tipo di giudizio, dato sia da noi tifosi che dai giornalisti.
Dico questo perchè, se al Napoli l’arbitro avesse concesso il calcio di
rigore per il “mani” di Pasqual, rigore che molti arbitri avrebbero
potuto fischiare, il risultato di quella partita sarebbe stato diverso
e non so se i giudizi trionfalistici dati per l’ottima prestazione dei
viola sarebbero stati i medesimi.
Alla stessa maniera mi piace
sottolineare che, se prima Silva, poi Cerci avessero segnato il 2 a 1
per noi, forse, dico forse, la partita avrebbe preso un’altra piega.
Mentre allora la Fiorentina era stata giudicata stratosferica, anche
dai media, oggi, dopo aver sentito le mail dei tifosi e di qualche
giornalista di una trasmissione televisiva, è una catastrofe.
Detto
questo, passo ad analizzare la partita vista dal mio punto di vista.

Per prima cosa ho notato che nella formazione non c’era Cassani ed al
suo posto è stato schierato De Silvestri e, gli altri “Scoglionati” al
mio fianco sul divano potranno tranquillamente testimoniare il mio
stupore in senso negativo per questa scelta. Poi ho pensato che
l’allenatore abbia voluto dare fiducia a De Silvestri visto anche i
suoi trascorsi in maglia laziale ecc ecc.
Con il trascorre del tempo, quando Hernanes è stato spostato sulla sinistra, sono iniziate le
difficoltà del terzino viola in fase difensiva. In quella circostanza
avrei spostato Behrami dal centro sul centro destra spostando centrale
Montolivo. Questo per raddoppiare Hernanes, in aiuto a De Silvestri,
cosa che sicuramente l’elvetico riesce a fare meglio del “quasi
milanista”, Riccardo cuor di leone. Secondo errore di Sinisa. Il terzo,
l’inserimento del marocchino, al quale avrei di gran lunga preferito
Munari, in aiuto al centrocampo viola, ormai con il fiatone e sulle
gambe. Anche di questo, ne sono testimoni gli altri scoglionati ai
quali ho ripetutamente detto, in tempi non sospetti, che avrei visto
meglio questa soluzione. Invece entra il marocchino che non ha corsa,
anzi, sembrava che fosse già più stanco lui di Lazzari.
Questo per
sottolineare che, oggi, forse il peggiore in campo è stato Sinisa.
Comunque non bisogna farne un dramma perchè la Lazio è una signora
squadra, composta da giocatori estremamente validi ed esperti,
sicuramente più abili nelle partite in trasferta piuttosto che in
quelle casalinghe. La Fiorentina dev’essere più cinica sotto porta e mi
permetto di sottolineare come la mancanza di un giocatore alla Toni per
intenderci, che riusciva a far salire la squadra, non permette alla
difesa di rifiatare quando è sotto pressione. Io credo che la
Fiorentina non sia una squadra eccezionale ma neanche da buttare per
cui dovremo aspettarci partite esaltanti ma anche altre meno
convincenti. Ora bisogna far quadrato intorno alla squadra e alla
società, lasciarla lavorare in pace e pensare alle prossime partite che
ci attendono, a cominciare da Cesena e poi quella contro il Catania. Se
in quelle circostanze riuscissimo a far bottino pieno, e non sarà
certamente facile, il morale potrebbe di colpo tornare alto e quindi
proiettarci verso quelle zone di classifica che fanno sognare noi
tifosi viola. Un grazie a tutti coloro che hanno avuto la pazienza di
leggere il mio giudizio sulla partita; attendo ora i commenti degli
amici viola che vorranno confermare ciò che ho scritto oppure
analizzare in modo diverso la partita.
Squaloviola.